Decapare il legno

legno

 

Quante volte vi sarà capitato di trovare il mobile di vostro gradimento, quello che assolutamente volevate avere, perfetto per il soggiorno. Un bel legno, dimensioni giuste, stile magari coloniale, che si sposa alla perfezione con la vostra casa. Però… c’è un però. Il colore del legno non va bene.

Troppo chiaro o troppo scuro non è quello adatto, quello che si armonizza con il resto della mobilia, allora che fare? Partendo intanto dal presupposto che legni di colori diversi non stonano, essendo il legno un elemento naturale è anche normale che le sfumature e le tonalità siano diverse, ma se lo stacco é troppo evidente, un buon rimedio, da fare da soli, é quello di decapare il legno.

Scurirlo e schiarirlo significa dare un tocco rustico al vostro pezzo unico, come se il colore venisse riportato in vita dopo essere stato coperto sotto strati e strati di vernice. In realtà l’effetto decapato si ottiene in maniera abbastanza semplice e veloce; basterà infatti dare prima una mano di colore marrone poco intenso e una di bianco diluito. Quello che vi occorre sono un impregnante all’acqua molto diluito, del colore bianco acrilico, un pennello piatto medio, carta da cucina, carta vetrata, una pennellessa piccola.

Prendete quindi il pezzo che volete decapare e carteggiate prima per bene con della carta vetrata media e poi passate alla carta vetrata liscia. A questo punto passate l’impregnante molto ben diluito e passate quindi il colore bianco. Affinché non si depositi troppo colore sul legno, sarà bene far sgocciolare il colore sulla carta da cucina e comunque buona regola è quella di non intingere troppo il pennello nel colore. Per la rifinitura consigliamo poi l’utilizzo del flatting opaco, ovvero della vernice acrilica trasparente.